Autore: Gianmaria Baldo

Founder/Managing Director/Project Manager at Droplet

Questioni di metodo (#1)


“EventStorming is a flexible workshop format for collaborative exploration of complex business domains.”



E’  la definizione che da Alberto Brandolini,
inventore deI metodo che Droplet utilizza da qualche anno come metodo di analisi e pianificazione del lavoro con i nuovi clienti.


Conoscere i sistemi su cui è fondato il funzionamento di una azienda e trasferirlo nel web può risultare molto complesso anche per realtà produttive e commerciali di piccole dimensioni.

Nel mappare tutti i processi o procedere per incrementi successivi spesso vengono escluse molte delle persone che hanno un ruolo sia nei processi decisionali che in quelli produttivi. Questo può tradursi in errori e rallentamenti nello sviluppo.

Il risultato è spesso una conoscenza parziale dei processi e una progettazione inefficace o parziale dei lavori.

Eventstorming favorisce una maggiore comprensione e produttività semplificando l’approccio e includendo più livelli di stakeholder nel business.
Con l’aiuto di una semplice lavagna, di foglietti adesivi e, cosa principale, di un gruppo disponibile, è possibile infatti isolare i processi aziendali in modo più efficiente e (anche) divertente.
In questo modo durante gli workshop, Droplet riunisce gli stakeholder del progetto (sia sviluppatori che utenti non tecnici) per esplorare domini aziendali complessi.
Le cosiddette “persone giuste”.

Ma chi sono le persone giuste?
Sono le persone che conoscono le domande giuste da porre e quelle che hanno le risposte. Questo gruppo sarà probabilmente un misto di parti interessate che rappresentano l’esperienza dell’utente, il business, l’architettura, lo sviluppo e l’IT.

Questa fase non annulla la necessità di un documento di progettazione, un piano di distribuzione o altri modelli di implementazione.


Eventstorming, ha lo scopo di supportare e accelerare il processo di sviluppo, riunendo le tutte le parti interessate per ricreare rapidamente il dominio aziendale e identificare suoi processi, correlazioni e sviluppi.



Fornendo uno spazio di modellazione virtualmente illimitato (tipicamente una parete intera) raggiungiamo l’obiettivo di mettere su carta (di solito note adesive con diversi colori) ogni evento significativo e processo in una grande mappa consentendo al team di lavoro di continuare a costruire i processi man mano che sorgono domande e idee senza essere limitato nella portata dallo spazio di lavoro fisico.


Proviamo a sintetizzare i vantaggi che derivano da questo metodo

Per noi di Droplet lavorare in Event storming risulta essere sia efficiente che divertente.
Riuscendo a riunire i professionisti chiave nella stessa stanza (letteralmente o virtualmente), l’esplorazione di eventi ha il vantaggio di essere:


Veloce:
perchè riduce il tempo necessario per creare un modello di dominio aziendale completo. Ciò che prima richiedeva settimane può essere realizzato in ore durante un singolo workshop.


Semplice:
invece di utilizzare UML complesso, scomponiamo il processo in termini semplici che possono comprendere sia gli stakeholder tecnici che quelli non tecnici.


Coinvolgente
: uno degli obiettivi dell’evento storming è rendere divertente la modellazione. È un approccio pratico alla esplorazione del progetto che invita ogni persona a partecipare e interagire. Oltre ad essere più piacevole poi, il lavoro si traduce anche in intuizioni preziose. I partecipanti si impegnano più prontamente nel processo e offrono i loro suggerimenti e competenze.


Efficace
: in questa fase non si prendono ancora in esame i dati cercando invece di creare un modello comportamentale che può essere rapidamente implementato e convalidato.



Droplet ha più volte sperimentato che forse il valore più grande di questo approccio sta nelle conversazioni che genera.
Si possono utilizzare le conoscenze acquisite durante il workshop per isolare futuri processi o creare software da essi. O semplicemente utilizzarle per comprendere meglio la realtà aziendale e prendere decisioni migliori in futuro.

E allora? siete pronti per una nuova “tempesta di eventi” ?


Fatal error: Uncaught ArgumentCountError: Too few arguments to function joints_page_navi(), 0 passed in /var/www/wp-content/themes/droplet/archive.php on line 20 and exactly 1 expected in /var/www/wp-content/themes/droplet/functions/page-navi.php:2 Stack trace: #0 /var/www/wp-content/themes/droplet/archive.php(20): joints_page_navi() #1 /var/www/wp-includes/template-loader.php(106): include('/var/www/wp-con...') #2 /var/www/wp-blog-header.php(19): require_once('/var/www/wp-inc...') #3 /var/www/index.php(17): require('/var/www/wp-blo...') #4 {main} thrown in /var/www/wp-content/themes/droplet/functions/page-navi.php on line 2